Feeds:
Articoli
Commenti

l’iPhone

IrvingMalinowski1

Annunci

Il cinese

Ho divorato un cinese senza nome, 7 ore abbrustolito su braci di faggio. Lassù lo portammo sull’alta vetta del monte e lo cucinammo con quello che ci offriva la montagna… rami di faggio seccati tra riverberi di ghiaccio. Tra noi lo stregone, il ki-li-mah, mise la maschera e coprì il capo di piume, e ballò nella neve per ore, poi tagliò la bianca gola.

2013_08_02_hancouture2-293x450_rsz_crp_crp

C’era tra noi un giovane, veniva dalla metropoli, un impiegato con la cravatta slacciata, aperta sul petto: stava nella gelida tormenta vestito solo di un abito di leggera tasmania, e quando il primo sangue macchiò la neve, si chinò e vomitò.

Fu il primo poi a staccare un brano di carne dalla coscia del cinese, e ad affondare i denti nella cotenna abbrustolita… e si puliva le mani nella neve.

Tutti noi ci lavammo la bocca nella neve.

 

 

Cloroformio

Donne sonnambule, pallide, e laggiù…Poi sugli asfalti coperti di cenere loro, con cravatte di seta… da bachi nutriti sui gelsi di Cina. Non si sa dove… I gelsi dall’odore di rosa, nauseabonda melodia. Schiavi dalle cravatte di seta, tutti pronti per essere impiccati e poi dimenticati nell’ombra che già si apre sotto le suole, ora che ancora risuonano i passi, senza penisero. Sono passi senza pensiero, di chi cammina con una dritta meta e senza scopo, di chi vende e in tasca non ha oro. Tutto sta già dissolvendosi e nel sonno  altro non odo che una tastiera di un PC al lavoro e lontano musica di flauti: l’Inferno ci sta contando tutti, uno per uno e ci archivia nei suoi Excel!

NUOVO IPAD TRA UN MESE!!!

sarà tutto nero, sarà sottile come un’osta, sarà rivestito di un crtistallo fine fine fine fine fine,

avrà i lati taglienti, per farsi la barba

o sgozzarsi

So che in do rimugini e poi

 

l’asta d’acciaio affili e lucidi

affinché non si perda la struttura

cristallina del crudo

metallo e tra molecola e molecola

non ristagni i coagulo.

 

Etz

 

osservi le tue mani

invecchiate e ormai grigie…pazzo di gioia

 

bianca plastica e bare di design

vedrete uomini, e Dei

che oggi non potete sospettare

Meteoriti freddi +$$$$

Bruciavano nel buio

La donnola dal lungo collo e

la cosa che chiamavano Libertà

tutti quei vecchi…

con un piede nella fossa

solcoz

ah, Granato Rosso

prima che si spezzi l’ultima connessione

vedo un sole tuffarsi nell’Oceano

con volto da assassino

PTCB

 

 

Senti questa barzelletta:

Secondo il consenso scientifico, il Disegno intelligente non avrebbe molte di queste proprietà:

  1. manca di consistenza: l’ID è infatti basato sul presupposto che complessità e improbabilità debbano implicare un progettista intelligente, ma che l’identità e le caratteristiche di tale progettista non siano identificate o quantificate, né necessitino di esserlo;
  2. viola il principio di parsimonia: la presenza di un progettista non è necessaria e dunque la sua introduzione rende l’ID non parsimonioso;
  3. non è utile: il Disegno intelligente non ha infatti capacità predittiva, cioè non consente di predire in anticipo il verificarsi di uno specifico fenomeno e i suoi dettagli date le condizioni iniziali;
  4. non è falsificabile: il progettista viene infatti posto oltre il reame dell’osservabile
MA ALLORA DIO BRUCIA